Susanna Viale
Susanna Viale
Dettaglio
Susanna Viale
Susanna Viale
Dettaglio
Susanna Viale
Susanna Viale
Dettaglio
Susanna Viale
Susanna Viale
Dettaglio
Susanna Viale
Susanna Viale
Dettaglio
Susanna Viale
Susanna Viale
Dettaglio

Esposizione dal 3 giugno 2014 al 27 giugno 2014

Il vernissage inizierà giovedì 5 giugno 2014 alle 18.00 alle 20.00



Nata a Torino nel 1959.

Ha frequentato il Liceo Artistico "Cottini" e l'Accademia Albertina di Belle Arti di Torino.
Diplomata come Infermiera Professionale e Assistente Sanitario.
Laureata in Scienze Politiche indirizzo Sociale.
Dal 1994 al 2003 ha frequentato la "Scuola d’arte di via Perrone" dell’artista Sergio Albano.

La formazione artistica scolastica di Susanna Viale è cominciata già nelle scuole medie inferiori con il professore Jean-Louis Mattana, che ha stimolato in lei in modo incisivo la creatività e la sperimentazione di nuove tecniche, per poi continuare al Liceo Artistico e all'Accademia di Belle Arti di Torino.

L'esperienza tecnica e la libertà di espressione si sono notevolmente evolute in seguito agli stimoli e agli insegnamenti dell’artista Sergio Albano

La vita artistica di Susanna Viale si è mescolata con gli studi infermieristici e quelli universitari di Scienze Politiche e Sociologia, acquisendo delle competenze ed una cultura incentrata sulle dinamiche sociali ed antropologiche, senza tralasciare l'interesse per la medicina con lo studio della cromoterapia e della psicologia.

Amante dell’avventura e dei viaggi ha trovato ispirazione creativa attraverso le varie esperienze e le foto scattate in tutti i continenti.

L'arte è un'insieme di capacità tecniche e creatività pura, mescolate con le esperienze di vita, culturali e psicologiche.
Possiamo analizzare le varie fasi dello sviluppo artistico e creativo dell'artista:

inizialmente dagli anni ‘70 fino alla fine degli anni ’80, dopo aver partecipato attivamente alla vita politica e sociale dei movimenti giovanili extraparlamentari dell’epoca, incentrati sul cambiamento sociale e culturale, ha sperimentato l'uso di vari materiali e con l'acrilico ha creato opere del genere pop-art e arte psichedelica;
dalla fine degli anni ‘80 fino al 1993 è attratta dal geometrismo e dal figurativo e si diletta a dipingere colline e gruppi di casette;

dal 1994, in seguito all'esperienza psicoanalitica freudiana e sotto la guida di Sergio Albano, la pittura prende la strada dell'espressionismo figurativo e dei colori Fauves, l'energia creativa, prima compressa, si esprimeva timidamente, ma dopo un grosso cambiamento personale e psicologico è esplosa in colori accesi, contrastanti e pennellate libere, da cui viene fuori tutta la vitalità e l'energia dell'artista. L’esperienza umana e sociale acquisita nel lavoro come Assistente Sanitaria presso il reparto oncologico dell’Ospedale Sant’Anna di Torino ha lasciato una forte impronta nella sua arte. Spesso nei suoi soggetti tratta il dolore e la sofferenza, sia nella malattia e nell’handicap che nel disagio economico, sociale e razziale. La formazione universitaria e la passione per la scoperta delle culture del mondo hanno fatto sì che l'artista fosse attratta dai temi antropologici, culturali, sociali e spirituali da cui sono nati soggetti ispirati alle religioni, alla vita quotidiana, al lavoro e alle sofferenze del mondo in via di sviluppo, non vengono tralasciate la ricerca sul corpo umano e la passione per la danza. Ha sviluppato anche una ricerca sulla tecnica a spatola che ha portato a lavori di notevole suggestione coloristica e di libertà espressiva;

dal 2007 dopo una lunga ricerca che ha toccato il buddismo, lo yoga, il reiki, lo sciamanesimo, il taichi…., è cominciato lo studio della simbologia legato ad un percorso di evoluzione spirituale e di conoscenza dei misteri dell’insegnamento universale nella scuola del “Lectorium Rosicrucianum“ ed ha sviluppato lavori sui temi dell’alchimia, della mitologia, dell’ esoterismo……… inoltre ha realizzato ad olio su grosse tele tutti i 78 arcani dei tarocchi, poi pubblicati in un mazzo di carte allegate al libro di Maurizio Cusani ”Tarocchi psicologici” edito dalla casa editrice la Nuova Ipsa.
L’artista ha cominciato a partecipare ad eventi ed esposizioni artistiche fin dagli anni del liceo artistico ed ha esposto frequentemente fuori dall’Italia, inoltre è stata invitata a simposi artistici ed ha realizzato vari tipi di progetti legati all’arte.